Newlat Food: stop a concessione marchio Buitoni anche per Germania

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 4 gen. (askanews) - Può considerarsi concluso, per ora, il rapporto tra Buitoni, marchio di proprietà di Nestlè, e la Newlat Food, gruppo agroalimentare che nel 2008 ha acquisito lo storico stabilimento Buitoni a Sansepolcro e di cui era licenziataria del marchio per la produzione di pasta secca e prodotti da forno. Non ci sarà nessuna proroga, dunque, della licenza durata 13 anni, neanche sul mercato tedesco. Ad affermarlo ad askanews il presidente esecutivo di Newlat Food, Angelo Mastrolia. "Nestlé si è solo impegnata a non porre in essere per 18 mesi attività in concorrenza con Newlat nel settore della pasta sul mercato tedesco", ha precisato smentendo in questo modo il sindaco di Sansepolcro, Fabrizio Innocenti che, in una recente intervista alla stampa locale, aveva parlato di un accordo, raggiunto in extemis, per la produzione in co-branding, Buitoni e Delverde, della pasta secca destinata al solo mercato tedesco per i prossimi 18 mesi. "Non corrisponde al vero quello che dice il sindaco - ha affermato Mastrolia - Da un anno e mezzo circa sui vari mercati internazionali siamo andati in co-branding coi marchi Delverde, Granfetta e Crostino dorato in grande sopra e sotto in piccolo col marchio Buitoni". Ora quest'ultimo, in concomitanza della scadenza della licenza, è stato eliminato dal packaging di questi prodotti. Nello stabilimento di Sansepolcro, Newlat Food continua a produrre con i suoi marchi sia la pasta (se ne producono 96.000 tonnellate l'anno) che i prodotti da forno (22.400 tonnellate l'anno).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli