Ngozi e Kibo si trovano allo zoo di Denver, presentano sintomi lievi ma non sono in pericolo

·1 minuto per la lettura
Ngozi e Kibo allo zoo di Denver
Ngozi e Kibo allo zoo di Denver

Due iene sono state contagiate dal covid negli Usa, è il primo caso al mondo e a comunicarlo è la direzione dello zoo di Denver, nel Colorado, dove Ngozi e Kibo, rispettivamente di 22 e 23 anni, hanno il coronavirus. I due animali africani, come i gorilla di Atlanta, sono risultati positivi al test ed avrebbero sviluppato sintomi lievi della malattia.

Due iene contagiate dal covid: Ngozi e Kibo hanno il raffreddore e sono sonnolente

Secondo il Guardian le due iene accusano tosse, raffreddore e una leggera sonnolenza che le porta a stare per lo più stese nell’erba a poca distanza dai ricoveri. Dal canto suo lo zoo è fiducioso in una rapida guarigione dei due animali. Si legge in una nota: “Le iene sono notoriamente animali resistenti e resilienti, conosciuti per la loro tolleranza ad antrace, rabbia e cimurro”.

Denver, due iene contagiate dal covid, con loro 11 leoni e due tigri

La direzione ha spiegato anche che Ngozi e Kibo non avevano altre malattie. All’interno dello zoo di Denver sono stati effettuati diversi altri test su animali, questo dopo che alcuni leoni erano risultati ammalati. In totale, oltre alle due iene, sono stati contagiati 11 leoni e due tigri. Il Guardian non cita test effettuati sulle persone che accudivano per lavoro gli animali contagiati, il che fa ben sperare.

Precedenti su animali e precauzioni negli zoo: due iene sono state contagiate dal covid

Tutti gli animali contagiati sono guariti o in via di guarigione. I casi di contagi su animali in condizioni di moderata promiscuità non sono rari al mondo, specie negli zoo “tradizionali”. In paesi come l’India e in tema di riserve naturali, dove lo scenario cambia, sono state prese particolari precauzioni anti contagio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli