Niccolò Agliardi sui figli in affido: “Papà per sempre”

Niccolò Agliardi

Ospite di “20 anni che siamo italiani”, l’autore e cantautore musicale Niccolò Agliardi, noto per la colonna sonora di Braccialetti rossi, ha raccontato al pubblico a casa la sua esperienza di genitore affidatario.

Niccolò Agliardi e i figli in affido

Classe 1974, Niccolò Agliardi ha iniziato a scrive canzoni fin dall’età adolescenziale. La sua carriera di autore inizia nel 1999, dopo aver lavorato come assistente di produzione ai tour di Fabrizio De André e Renato Zero. Ha scritto brani per cantanti dal calibro di Eros Ramazzotti, Laura Pausini, Emma Marrone e Arisa. Nel frattempo ha anche avviato una carriera di cantautore e pubblicato quattro album in studio. Autore della colonna sonora di tutte e tre le stagioni della fiction Rai, “Braccialetti rossi”, di recente è stato ospite di “20 anni che siamo italiani”, dove si è esibito, assieme a Vanessa Incontrada, sulle note del suo brano “Di cosa siamo capaci”.

Conclusa l’esibizione, il cantautore ha quindi deciso di raccontare un’esperienza personale. Niccolò Agliardi, infatti, è padre di due figli in affido. “Sono un papà affidatario, questo vuol dire accettare essere papà per un po’. Per la legge almeno, la mia sensazione è che lo sarò per sempre“. Agliardi ha prima ricevuto in affido un adolescente di 17 anni di nome Federico, che oramai è maggiorenne. Nel 2019, inoltre, ha preso in affido un altro ragazzo di 14 anni e Agliardi ha voluto raccontare questa sua esperienza anche nel libro “Per un po’. Storia di un amore possibile”.