Nicola Zingaretti: "Salvini ha perso le elezioni, grazie Sardine"

Lorenzo Santucci

“Siamo molto contenti del risultato del Pd e possiamo dire che il 4 marzo 2018, quando tutta l’Italia parlava di un bipolarismo Lega - Movimento 5 Stelle, è alle nostre spalle. Oggi Salvini ha perso le elezioni. Questo risultato rafforza il governo perché Salvini ha parlato di dare una spallata al governo, volendo dare al voto un aspeto politico, e questo tentativo è fallito”. Questo il commento a caldo del segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti.

 “Ora non dobbiamo essere pigri”, ha proseguito. “Il governo deve deve rilanciare la sua azione su tasse, lavoro e su alcuni temi come scuola, università e puntare alla ripresa economica. Oggi c’è la maggioranza rincuorata da questa avventura.”

“Mando un immenso abbraccio a Bonaccini, grazie per la battaglia eroica da grande presidente. Ci siamo sentiti quasi una volta al giorno, negli ultimi due giorni quasi una decina di volte.Vedremo i risultati, ma il Pd resta il pilastro contro la destra”. Il segretario Dem ha poi voluto encomiare il lavoro svolto dal movimento delle sardine: “Un grazie va anche alle sardine”.

Zingaretti ha anche chiosato  sul voto in Calabria, dove Forza Italia ha trionfato con la sua candidata Jole Santelli: “Un grandissimo abbraccio a Pippo Callipo che si è buttato nella mischia qualche giorno prima delle elezioni. C’è un po’ di rammarico perché se il fronte del centrosinistra fosse stato più unito anche in Calabria ci sarebbe stato un risultato migliore”.

Un commento anche sugli alleati di governo: “Si sta tornando ad un sistema bipolare tra due grandi campi che si contendono la leadership e lo fanno su scelte politiche alternative, quindi credo che questo travaglio del Movimento 5 stelle avrà e sta avendo una discussione. Spero che sempre di più si prenderà atto di questo elemento, come in Calabria e in Emilia-Romagna, si scelga tra i due principali contendenti. Il Movimento si troverà di fronte a questo dilemma, ma lo dico da alleato...

Continua a leggere su HuffPost