Nicole Kidman: sua figlia Sunday Rose vuole fare la regista

·2 minuto per la lettura

La figlia adolescente di Nicole Kidman e Keith Urban vuole diventare una regista.

Sunday Rose ha 13 anni, ha già imparato a montare e ha diretto una produzione teatrale del musical "Annie". Tuttavia, sebbene sua madre sia una grande star di Hollywood, non vuole che la Kidman venga coinvolta.

«Sunday Rose vuole fare la regista. Approfittando di niente che ho fatto, però. Ha imparato a montare, e anche se mi offro di essere in uno dei suoi film dice di no: vuole fare da sola», rivela Nicole Kidman alla rivista DuJour.

La star di "Big Little Lies" vorrebbe cantare le lodi di sua figlia dai tetti, ma le è stato dato il severo ordine di rimanere discreta.

«Tutto quello che volevo fare era urlare di gioia il nome di Annie», ha condiviso la Kidman.

«Ma ho il divieto di farlo. Vorrei solo poterle dire: "Sei fantastica". Ma non mi è permesso gridare dal finestrino della macchina e nemmeno complimentarmi troppo».

L'attrice, che con Urban condivide anche la figlia di 11 anni Faith Margaret, ha paragonato l'essere madre a una piscina, spiegando: «Come genitore, sono il muro di contenimento. Voglio tenerti stretto e sapere che ci sei. Poi quando i figli prendono il via vogliono sapere che sei comunque lì».

La Kidman ha molti progetti in cantiere, ma si assicura sempre di trovare il giusto equilibrio e di essere presente per le sue ragazze.

«Ho questa grande voglia di esserci per loro. Non voglio perdere l'ora della nanna - ha condiviso -. Quell'ora di andare a letto è così profondamente importante per me. Parliamo. Cerchiamo di avere un po' di coerenza. La più grande coerenza è: "Sono qui e ti amo e questo non cambierà mai". È un equilibrio costante».

Nicole ha anche due figli adulti adottati con il suo ex marito Tom Cruise.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli