Nidi e scuole materne, in Emilia-Romagna 12 mln ai Comuni -2-

red/Rus

Roma, 5 ago. (askanews) - "I bambini e le loro famiglie- sottolinea il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, cui fa capo la delega al Sociale- sono al centro delle politiche di welfare di questa Regione. Abbiamo appena stanziato oltre 18 milioni di euro destinandoli ai Comuni affinché da subito, a settembre, possano abbattere o azzerare le rette dei nidi per le famiglie con un Isee fino a 26mila euro, misura che farà risparmiare loro in media 1.000 euro a figlio, sollevandole da un impegno economico che spesso è davvero pesante da sostenere. Per questo abbiamo già previsto anche il sostegno per pagare l'affitto alle famiglie in difficoltà, provvedimento che attueremo sempre assieme ai Comuni. E adesso mettiamo loro a disposizione ciò che serve per gestire i nidi e le strutture per l'infanzia, avendo come unico scopo il miglioramento della qualità dei servizi, dell'offerta educativa e della preparazione degli operatori, che passa per la formazione continua. I servizi rivolti all'infanzia e ai più piccoli rappresentano in Emilia-Romagna un sistema inclusivo, che ci permette di avere qui il più alto tasso di occupazione femminile nel Paese- conclude Bonaccini-. Ma i nuclei familiari, i genitori vanno aiutati nella conciliazione dei tempi di vita di fronte a esigenze che cambiamo sempre più velocemente. Per questo continueremo a confrontarci costantemente con i sindaci, le parti sociali, i gestori, gli educatori, le reti di genitori e tutti coloro che hanno cuore i bambini. Cioè, in una parola, il nostro futuro".(Segue)