Niente intesa con i No Green Pass, questore Milano impone percorso

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 nov. (askanews) - L'impossibilità di trovare un accordo con i rappresentanti del movimento No Green Pass sul percorso dell'ennesimo corteo in programma domani pomeriggio, il sedicesimo dall'inizio delle proteste, ha indotto il questore di Milano ad emettere un provvedimento di prescrizione. Ai manifestanti viene così imposto che, dopo il concentramento in piazza Fontana, l'eventuale manifestazione si svolga dalle ore 17 alle ore 21, in forma di corteo, ma lungo il seguente itinerario: piazza Fontana, piazza Duomo, via Mazzini, piazza Missori, corso di Porta Romana, viale Caldara, viale Regina Margherita, piazza V Giornate, viale Bianca Maria, corso XXII Marzo, viale Piceno, via dei Mille, viale Abruzzi, piazzale Loreto, corso Buenos Aires sino in piazza Oberdan, dove la manifestazione dovrà concludersi.

I promotori della manifestazione, ha ricordato la questura in una nota, avevano preannunciato il corteo via e-mail mercoledì scorso e soltanto questa mattina, dopo ripetuti inviti, si sono presentati in via Fatebenefratelli. Il lavoro di contemperazione dei diritti e degli interessi svolto dalla questura, nonostante alcune dichiarazioni dei promotori dai toni definiti "non in linea con una corretta interlocuzione con le istituzioni", aveva poi portato a ridefinire un percorso, ritenuto dalla questura "plausibile", che manteneva il passaggio nei pressi di alcuni punti indicati dai manifestanti, oltre che il transito attraverso piazza Duomo.

L'obiettivo era quello di dare alla manifestazione una adeguata visibilità, salvaguardando, allo stesso tempo, gli obiettivi sensibili e mitigando i pesanti disagi che hanno afflitto cittadini e commercianti milanesi nelle scorse settimane. Il percorso proposto ai manifestanti ha però trovato una "ferma opposizione di questi che - osserva la questura - hanno palesato, in tal modo, un maggiore interesse alla contrapposizione fine a sé stessa che la ricerca di una ipotesi volta a garantire il diritto di manifestare".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli