Niente paura per gli iPhone. Apple non la ferma neanche il coronavirus

HuffPost

La taiwanese Foxconn, tra i principali costruttori di dispositivi per conto di compagnie hi-tech tra cui Apple e i suoi iPhone, ha assicurato che il coronavirus non ne rallenterà la produzione.

In una nota l’azienda, che possiede diverse fabbriche in Cina, ha spiegato di monitorare la situazione, ma di non aspettarsi un impatto sui suoi impegni produttivi. La notizia arriva dopo le indiscrezioni riportate dal quotidiano giapponese Nikkei, secondo cui Apple avrebbe chiesto ai fornitori asiatici di aumentare la produzione di iPhone ma sarebbe stata avvisata di possibili complicazioni a causa dell’epidemia.

“Stiamo monitorando attentamente la questione di salute pubblica legata al coronavirus e stiamo applicando tutte le pratiche di igiene e salute raccomandate”, ha fatto sapere l’azienda in una dichiarazione riportata dal sito The Verge. “Possiamo confermare che abbiamo messo in atto misure per garantire di poter continuare a soddisfare tutti gli impegni di produzione a livello globale”.

Apple produce la gran parte dei suoi iPhone in Cina. Per questo, il Ceo Tim Cook, intanto, ha annunciato che uno degli store della Casa di Cupertino è stato chiuso, mentre nei rimanenti è stato tagliato l’orario di apertura. È pronto poi un piano di restrizione dei viaggi del proprio personale se la situazione dovesse peggiorare. 

Continua a leggere su HuffPost