Nigeria, Monteduro (Acs): "Epicentro della persecuzione dei cristiani, istituzioni complici"

(Adnkronos) - "La Nigeria è in questo momento l'epicentro, assieme all'area subsahariana dell'Africa, della persecuzione ai danni dei cristiani. La cronaca quotidiana racconta di massacri, rapimenti ai danni di appartenenti al clero e uccisioni indiscriminate". Così Alessandro Monteduro, direttore di 'Aiuto alla Chiesa che Soffre', commenta con l'Adnkronos l'attacco per mano di un commando di uomini armati contro la chiesa cattolica di San Francesco Saverio a Owo, nel sudovest della Nigeria, dove ci sarebbero almeno 50 morti.

"I persecutori, purtroppo, sono più di uno: ci sono indiscutibilmente - spiega Monteduro - le organizzazioni terroristiche, da Boko Haram alle realtà affiliate allo stato islamico che operano innanzitutto nel nord della Nigeria, in modo particolare nello stato del Borno, e poi ci sono i pastori fulani che, pur mettendo al centro la conquista di territori per i loro allevamenti di bestiame, troppo spesso si rendono protagonisti di assalti a villaggi abitati prevalentemente da cristiani".

"Purtroppo tutto questo - sottolinea Monteduro - sta avvenendo con la oggettiva complicità delle istituzioni del Paese, le quali nonostante i ripetuti appelli, sollecitazioni della chiesa cattolica nigeriana e di tante realtà sovranazionali del mondo, non agiscono fattivamente contro questi terroristi e criminali".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli