Nigeria, via libera a riforma settore petrolifero anche da Camera

·1 minuto per la lettura
Sede Parlamento Nigeria ad Abuja

ABUJA (Reuters) - La camera bassa del parlamento nigeriano ha approvato un pacchetto di riforme per il settore petrolifero che dovrà essere siglato dal presidente.

La riforma, in cantiere da 20 anni, mira ad attrarre più investimenti nel settore petrolifero nigeriano in un momento in cui a livello mondiale si registra un sensibile calo degli investimenti nei combustibili fossili.

Ieri, il pacchetto di misure era stato approvato dal Senato, dopo più di un decennio di lavori.

Entrambe le camere parlamentari avevano approvato il disegno di legge questo mese, ma con diversi emendamenti, che richiedevano l'armonizzazione tra i legislatori delle due camere.

Il disegno di legge modificato approvato dal Senato prevedeva l'invio di una quota del 3% della spesa operativa annuale delle compagnie petrolifere alle comunità in cui si produce petrolio. La Camera dei Rappresentanti aveva approvato una quota del 5%, e la differenza rappresentava un punto critico nel processo di riconciliazione.

Oggi, la Camera ha deciso di adottare la proposta del Senato con una quota del 3%.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Giselda Vagnoni, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli