Nissan annuncia i piani europei per i van di piccole dimensioni

Redazione
·2 minuto per la lettura

Nissan ha annunciato i suoi piani per la prossima generazione di van di piccole dimensioni destinati al mercato del Vecchio Continente. Facendo leva sulla forza dell'Alleanza, la futura gamma di piccoli van Nissan sara' prodotta a Maubeuge, in Francia, centro d'eccellenza per questo tipo di veicoli. Nomi e dettagli dei prodotti saranno comunicati in prossimita' delle date di lancio, ma Nissan ha gia' confermato che la nuova gamma includera' modelli con motore 100% elettrico e con motore a combustione interna e offrira' soluzioni commerciali e per il trasporto di persone, con varie opzioni in termini di dimensioni. "L'annuncio della futura gamma van dimostra ancora una volta il forte slancio di Nissan in Europa, mentre prosegue il piano di trasformazione aziendale Nissan NEXT" ha dichiarato Ashwani Gupta, Chief Operating Officer di Nissan. "Produrre questi veicoli insieme al nostro partner dell'Alleanza porta vantaggi competitivi per entrambe le aziende, un altro esempio di come la nostra strategia sia vincente. E' presto per fornire informazioni dettagliate sui prodotti, ma i nostri clienti potranno contare sulla forte identita' Nissan e sul nostro costante impegno nel rendere la mobilita' elettrica fruibile a tutti" conclude Gupta.

Come per l'attuale Nissan NV250, prodotto nello stabilimento Renault di Maubeuge dal 2019, il nuovo modello sara' realizzato sulla piattaforma dell'Alleanza insieme alla prossima generazione di Renault Kangoo. A partire dalla produzione dei nuovi van di piccole dimensioni, in futuro tutti i van Nissan per il mercato europeo saranno realizzati in Francia. La nuova generazione di van 100% elettrico seguira' il successo gia' ottenuto da Nissan e-NV200, il primo EV commerciale destinato al mercato di massa lanciato nel 2014. Il van elettrico, oltre a essere una soluzione a emissioni zero per le consegne in centro citta', permette alle aziende di ottenere enormi vantaggi economici grazie a bassi costi di gestione e agevolazioni fiscali.

(ITALPRESS).

tvi/com