Nissan Juke, il crossover coupé pioniere di tecnologia

Lzp

Milano, 6 feb. (askanews) - Fra un'auto e un veicolo spaziale ci sono molte più analogie di quanto si possa immaginare. E' il suggestivo messaggio che ha voluto trasmettere Nissan nel test drive in anteprima nazionale del nuovo crossover compatto Juke, che ha avuto, come momento clou, una emozionante esperienza di volo nel centro Aero Gravity di Pero, l'unica galleria del vento verticale in Italia capace di simulare l'assenza di gravità. A raccontare come la ricerca spaziale abbia aiutato a sviluppare tecnologie poi applicate alle auto, come ad esempio i sistemi di navigazione e di assistenza alla guida e i sensori per i controlli di svariati parametri, è stato l'astronauta Umberto Guidoni che ha effettuato due missioni spaziali a bordo dello Shuttle ed è stato il primo europeo a salire sulla Stazione Spaziale Internazionale nel 2001.

"Molte tecnologie che troviamo sulle auto di oggi, ma non solo, pensiamo, ad esempio, ai pannelli solari, sono derivate dalla ricerca aerospaziale. Oggi, però, possiamo dire che è vero anche il contrario: grazie all'accelerazione impressa allo sviluppo di propulsioni alternative, come elettrico e idrogeno, e ai sistemi di guida autonoma, anche l'industria dell'auto può offrire spunti utili alla ricerca aerospaziale", ha spiegato Guidoni.

Fra le tecnologiche "ereditate" dallo spazio, sul nuovo Juke spicca il sistema di assistenza alla guida ProPilot sviluppato da Nissan, disponibile nella versione con cambio automatico a doppia frizione, che assiste il guidatore in fase di accelerazione, sterzata e frenata (fino allo stop completo), nel traffico e in autostrada. Ma non solo: il nuovo Juke offre un pacchetto completo di tecnologie di sicurezza, tra cui la frenata d'emergenza con riconoscimento di pedoni e ciclisti, rilevamento della segnaletica stradale, sistema intelligente di mantenimento della corsia e di rilevamento posteriore degli ostacoli in movimento, e sistema intelligente di avviso e intervento angolo cieco, al debutto assoluto nel segmento dei crossover compatti. Molta la tecnologia anche a bordo grazie al nuovo sistema di infotainment NissanConnect, con integrazione Apple CarPlay e Android Auto e all'applicazione NissanConnect Services che permette, tramite lo smartphone, di fare una serie di operazioni da remoto come aprire e chiudere le porte, azionare il clacson, accendere le luci e localizzare l'auto. Inoltre, è possibile sapere se la vettura è utilizzata oltre un perimetro, un orario o una velocità prestabiliti: una funzione preziosa per i genitori che danno la vettura in uso ai propri figli. Spazio anche al WiFi integrato, servizio che sarà disponibile nel corso del 2020, per connettersi con laptop o tablet mentre si è a bordo.

Quanto al comportamento su strada il nuovo Juke, dotato del motore tre cilindri mille benzina da 117 cv, si è rivelato comodo, sicuro e dinamico, soprattutto nella modalità di guida Sport (Eco e Normale le altre opzioni) che interviene su motore, sterzo e sospensioni. Il cambio automatico a 7 rapporti è fluido e veloce ed è possibile cambiare marcia utilizzando le comode palette sul volante. All'interno l'abitacolo è ben rifinito e spazioso, anche per i passeggeri sui sedili posteriori, ed è dotato di un avvolgente sistema audio con radio Dab e casse Bose, con speaker integrati nei poggiatesta. Prezzi a partire da 19.620 euro per la versione Visia con cambio manuale.