Nissan taglia il traguardo di 250.000 veicoli elettrici venduti in Europa

·1 minuto per la lettura

Nel giorno in cui si apre l'IAA Mobility di Monaco di Baviera - che ha come focus la mobilità sostenibile del futuro - Nissan annuncia di avere raggiunto il traguardo dei 250.000 veicoli elettrici venduti in Europa, di cui 208.000 Leaf e 42.000 e-NV200. Un contributo è arrivato dall'Italia, dove i clienti della berlina Leaf (lanciata nel 2010) sono oltre 7.000, mentre sono più di 2.000 i privati e le aziende che hanno scelto e-NV200, in commercio dal 2014. Due modelli, si sottolinea da Nissan, che "hanno aperto la strada alla mobilità 100% elettrica per il mercato di massa.

Dopo questo primo decennio, Nissan punta ad accelerare con un piano di trasformazione che prevede entro il 2023, in Europa, un target del 75% di vendite elettrificate grazie anche al lancio nel 2022 sul mercato europeo di Ariya, il primo crossover 100% elettrico, declinato in quattro versioni - anche con trazione integrale - per rispondere al meglio alle varie esigenze dei clienti in termini di autonomia e prestazioni.

La strada di Nissan per un futuro più sostenibile prosegue anche con EV36Zero, un Electric Vehicle Hub che darà vita al primo ecosistema di produzione di veicoli elettrici al mondo, presso l’impianto di Sunderland, nel Regno Unito, dove nascerà un nuovo crossover elettrico che promette uno stile, un’efficienza e una tecnologia delle batterie di livello superiore. Il piano prevede un investimento complessivo da un miliardo di sterline. Inoltre, la prossima generazione di van di piccole dimensioni sarà prodotta a Maubeuge, in Francia, centro d’eccellenza dell’Alleanza per questo tipo di veicoli e includerà modelli con motore completamente elettrico o a combustione interna e offrirà soluzioni commerciali e per il trasporto di persone, con varie opzioni in termini di dimensioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli