No del centrodestra alla "cabina di regia" sul Covid

·1 minuto per la lettura

AGI - Disponibilità a collaborare in Parlamento ma 'no' compatto all'apertura di un tavolo, cabina di regia o a qualsiasi altro tipo di operazioni "di palazzo". È la risposta che Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani hanno dato a Giuseppe Conte oggi pomeriggio quando il presidente del Consiglio li ha chiamati per informarli dell'iniziativa al vaglio del governo. I tre leader del centrodestra - riferiscono fonti della coalizione - non avrebbero in alcun modo gradito di non essere stati coinvolti nella determinazione della formula di collaborazione proposta da Conte, ovvero una cabina di regia presieduta dal ministro della Salute Roberto Speranza.

Nella nota congiunta poi si parla di richiesta di collaborazione "tardiva" da parte del governo. "Oltre a non aver apprezzato il modo in cui Conte e il governo si sono posti presentando un pacchetto prendere o lasciare, c'è una considerazione generale da fare - si spiega -. Non tolleriamo che per tutta la fase iniziale non ci abbiano coinvolto e ora che sono in difficoltà e hanno bisogno di un aiuto ci chiedano una mano. Quindi ben venga la discussione delle proposte in Parlamento, ma le proposte del centrodestra restano quello presentate".