No Green Pass Roma, scontri a manifestazione - Video

·1 minuto per la lettura

Scontri a Roma alla manifestazione dei No Green Pass che oggi si sono radunati in piazza del Popolo. Lancio di oggetti e bombe carta da parte di alcuni manifestanti, con 'assedio' alla sede della Cgil e tentativo di raggiungere la zona di palazzo Chigi. Le forze dell'ordine hanno utilizzato idranti e lacrimogeni per disperdere i violenti. Tre persone sono state fermate, un poliziotto è rimasto ferito.

"Assassini, assassini" hanno urlato i partecipanti, circa diecimila. "Vogliamo le dimissioni di Draghi e Mattarella", l'urlo dal palco (Video). Alcuni tra i manifestanti hanno lanciato sedie contro le forze dell'ordine tentando di accedere a via del Babuino (Video). I poliziotti hanno risposto con alcune manganellate. Nel corso della protesta un manifestante è salito sul tetto di un blindato delle forze dell'ordine.

Il corteo dei manifestanti si è, poi, diretto sotto la sede romana della Cgil. Migliaia di persone si sono accalcate sotto le finestre della sede del sindacato, tra cori e striscioni. "Nessuno può toglierci il lavoro che ci siamo conquistati onestamente e duramente", "Landini dimettiti", i cori rivolti all'indirizzo del segretario generale della Cgil Maurizio Landini. Un'altra parte del corteo ha invece preso la strada opposta, tentando di dirigersi verso Montecitorio attraverso via del Babuino, bloccato però dalle forze dell'ordine schierate all'inizio della piazza. I manifestanti sono arrivati a poche decine di metri da palazzo Chigi, lanciando petardi e bombe carta.

Le forze dell'ordine hanno operato ''con interventi proporzionati alle azioni dei manifestanti", ha sottolineato la questura di Roma. Nel corso della protesta ci sono stati momenti di tensione e ''sono stati utilizzati lacrimogeni e idranti per disperdere i gruppi violenti''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli