No Green Pass, la situazione nelle piazze italiane

·2 minuto per la lettura
no green pass proteste
no green pass proteste

Ancora un sabato di protesta, ancora un altro sabato “infuocato” nelle piazze italiane dove migliaia di cittadini sono scesi a contestare lo strumento del Green Pass. Nel capoluogo lombardo in particolare, è il quindicesimo sabato consecutivo di protesta. Questa volta, a differenza delle settimane precedenti, è stato debitamente autorizzato anche se non sono mancate tensioni come l’aggressione avvenuta nei confronti di un giornalista di La7 che è stato colpito con un calcio, riporta RaiNews. Da Trento a Pisa, da Firenze a Genova, molte le città coinvolte.

No green pass proteste, la situazione a Milano

Proprio sulla città di Milano sono attualmente puntati i fari. Nella prima parte della serata, intorno alle ore 19.00 circa, i manifestanti che, in precedenza erano stati accolti tra gli applausi in Piazza Duomo, hanno deviato il percorso precedentemente concordato. dirigendosi prima in via Galilei per poi spostarsi in viale della Liberazione. Da lì il corteo ha proseguito per piazza XXV aprile, infine si sono diretti verso corso Sempione alla volta della sede Rai che, stando a quanto riporta “Il Giorno”, è stata presidiata dalle Forze dell’ordine. Stando a quanto avrebbero informato le Forze dell’ordine sarebbero circa in 4.000 i cittadini scesi nelle strade a protestare.

No green pass proteste, oltre un migliaio a Pisa e Trento

Nel frattempo a Trento, circa un migliaio di cittadini si sono riuniti per protestare contro il Green Pass. I manifestanti che si sono ritrovati in Piazza Dante, hanno poi sfilato per le varie vie del centro-storico. Diversi gli striscioni esposti a sostegno dei portuali di Trieste. Numero analogo di manifestanti anche a Pisa dove il comitato No Green Pass unito al comitato No G20, ha manifestato per le vie della città. Non è mancato anche in questo caso il supporto alle proteste dei lavoratori di Trieste. La protesta ha avuto una valenza regionale con i manifestanti che sono arrivati da altre province toscane.

No green pass proteste, a Firenze indetta assemblea

A Firenze si segnala una protesta dipanata su due fronti. Da una parte un corteo autorizzato di No Green pass che da piazza Santissima Annunziata ha sfilato nelle vie principali del centro-storico, dall’altro invece circa 150 attivisti Lgbtqi+, a seguito dell’affossamento del DDL Zan, si sono diretti verso la sede di Italia Viva. Stando a quanto riporta il quotidiano “La Repubblica”, due esponenti del partito hanno cercato di spiegare al corteo le loro ragioni, non senza fischi.

No green pass proteste, a Genova è intervenuto Stefano Puzzer

Si protesta infine anche a Genova dove da Piazza Matteotti è intervenuto il leader del comitato dei portuali di Trieste Stefano Puzzer che ha annunciato che martedì 2 novembre ci sarà la protesta nazionale di tutti i no Green Pass. “Oggi è una giornata speciale perché i portuali di Trieste e Genova, con oggi, possono iniziare un percorso in tutti i porti italiani e dare una mano a tutto il popolo per bloccare l’economia. Non la nostra, ma quella di chi pensa di comandare il paese e che ha perso totalmente la visione della realtà vera, quella delle famiglie, dei problemi dei nostri figli che non possono fare sport. Io non sono un divo, sono io che ringrazio voi. E martedì fate un gran sorriso perché con martedì ci divertiremo”, sono le parole di Puzzer.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli