No Green Pass a Roma, in 4mila senza mascherine

·2 minuto per la lettura

No Green pass oggi a Roma. Sono stati circa 4mila i manifestanti che hanno partecipato al sit-in del Circo Massimo, a Roma. La stima delle presenze è della questura della Capitale. Erano quasi tutti senza mascherina i partecipanti che hanno sventolato diverse bandiere: da quella del Regno delle due Sicilie a quella Sarda, fino allo striscione per Trump. Tra i tanti anche un cartello 'Green pass' con le due lettere finali che riproducono i caratteri delle Ss naziste.

E c'è chi è venuto in piazza con uno stendardo che raffigura la Madonna che accarezza un neonato che dorme sul mondo. "L'ho portata per proteggere tutti", ha spiegato il manifestante. "Bellissimo vedere la piazza senza mascherine, sono il simbolo dell'oppressione", ha detto un altro manifestante dal palco, decorato con composizioni di palloncini tricolore. "Noi dobbiamo cacciare via questo regime - ha aggiunto - Non è un governo ma è un regime di pagliacci e assassini".

Al sit-in anche i gilet arancioni e l'ex generale Antonio Pappalardo. "Stasera nasce un nuovo movimento che si deve opporre a questo regime - ha detto - Dobbiamo essere uniti perché il nemico è troppo forte". "Un leader lo deve scegliere il popolo e non Mattarella - ha aggiunto - a casa mia questa non è democrazia ma è una volgare dittatura. Ci deve essere un movimento che dica 'ora dovete andare a casa'".

"Visto il numero dei partecipanti qui qualcuno dovrebbe iniziare a preoccuparsi", ha dichiarato Mariano Amici, medico No-Vax sospeso dall'ordine. "Ci hanno fatto credere che questa malattia chiamata Covid fosse come la peste, ma non è vero - ha continuato - Un teatrino basato su presupposti assolutamente antiscientifici. I numeri sono non reali: il tampone non è strumento attendibile e soprattutto non è strumento diagnostico. Al governo non interessa la salute dei cittadini, ma gli interessa far vedere che ci sono i morti per governare in maniera dittatoriale. Tutti i morti sono contati come Covid".

A concludere la protesta è stato Povia, che sul palco ha improvvisato un 'concerto' cantando 'I bambini fanno ooh'. "Dedicato a tutti i bambini e a tutti quelli che si sentono bambini dentro", ha detto Povia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli