No green pass, perquisito l’ideatore del corteo di Milano: è indagato per associazione a delinquere

·1 minuto per la lettura
ideatore corteo milano perquisito
ideatore corteo milano perquisito

La Polizia ha perquisito Zeno Molgora, il ragazzo di 28 anni ideatore delle proteste contro il Green pass a Milano: secondo quanto ricostruito sarebbe l’amministratore delle chat Telegram dei “ribelli”, No Green-pass! Adesso Basta! Movimento italiano, e risulta ora indagato per istigazione a delinquere aggravato dal mezzo telematico.

Perquisito l’ideatore del corteo No green pass a Milano

Secondo quanto ricostruito dalla magistratura, proprio sui social network Zeno era diventato il punto di riferimento per i No vax con l’ideazione del corteo da piazza Fontana. Già denunciato per aver preso parte ad iniziative contro il certificato verde non preavvisate e quindi non autorizzate, da settembre è stato sottoposto dal Questore al Daspo urbano e non ha più partecipato alle manifestazioni del sabato.

Martedì 23 novembre il giovane ha anche diffuso alcuni post per promuovere una manifestazione internazionale, sempre contro l’obbligo del passaporto sanitario, da tenersi a Ginevra (Svizzera) il 31 dicembre.

Perquisito l’ideatore del corteo No green pass a Milano: ha inviato 1.000 green pass falsi

Stando ad una prima analisi del suo telefono, è emerso come Molgora abbia inviato, attraverso le chat di Telegram, file contenenti mille green pass falsi su cui sono in corso accertamenti per rintracciarne l’origine. Il ragazzo ha ammesso di averli scaricati dalla Rete e distribuiti gratuitamente a più utenti possibile, motivo per cui è stato denunciato anche per il reato di ricettazione assieme ad altre due persone (i destinatari delle carte verdi illegali).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli