No Green pass, pm Torino a Telegram: "Oscurare la chat"

·1 minuto per la lettura

La procura di Torino ha emesso un decreto di sequestro della Chat Telegram 'Basta dittatura' che nelle ultime settimane è diventata uno dei principali strumenti di comunicazione di alcuni gruppi No Vax e No Green Pass. E' quanto riporta il quotidiano 'La Stampa', nella cronaca locale, sottolineando che "il provvedimento è funzionale a fermare il mezzo attraverso il quale sarebbero stati commessi i reati ipotizzati dagli inquirenti: istigazione a delinquere e ripetute violazione della privacy". "Il testo - prosegue il quotidiano - è stato trasmesso a una mail istituzionale di Telegram che si chiama 'Collaborazione volontaria' utilizzato dall'autorità giudiziaria per informare la struttura legale del social di quanto si richiede e si ritiene opportuno fare. Cioè chiuderla, oscurarla per fermare la deriva di annunci e pubblicazioni in un crescendo di toni minacciosi".  

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Green pass, è possibile falsificare la carta verde?

"Al momento - continua 'la Stampa' - nessuna risposta è stata recapitata in procura. Ergo, la chat è rimasta aperta e funzionante con i suoi 40 mila e passa iscritti. La sensazione è che i magistrati attenderanno ancora qualche giorno e valuteranno - in caso di mancato ulteriore riscontro - di seguire un altro percorso. Quale? Avviare - ad esempio - una rogatoria internazionale".  

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli