No Green Pass, Travaglio: "Altre proteste? Credo di sì"

·1 minuto per la lettura

"Ho il Green pass, ho fatto due dosi, quando mi diranno di fare la terza la farò e farò pure la quarta. Non sono un no vax e nemmeno un no green pass. Penso però si dovessero adottare misure più graduali e meno 'strong'". Se si adottano misure ‘strong’ uniche al mondo bisogna spiegarle. Altrimenti arrivano le proteste: mi sarei meravigliato del contrario". Marco Travaglio, ospite di Cartabianca, risponde così alle domande sulle proteste dei No Green Pass.

"Le proteste sono destinate a crescere? Credo di sì. Se ci sono 4 milioni di persone che perdono il lavoro, non si può dire che sono tutti fascisti. I fascisti vanno arrestati e l’organizzazione fascista va sciolta. Ma non tutti quelli che erano in piazza sabato a Roma o oggi a Trieste sono tutti fascisti", aggiunge. "Sono tutte persone che, per ragioni non condivido, non si sono vaccinate e si domandano per quale motivo sono gli unici lavoratori che da venerdì non possono andare a lavorare e non possono percepire lo stipendio. Il problema sarà risolto quando queste persone decideranno di vaccinarsi o quando qualcuno andrà a spiegargli perché non possono lavorare", afferma.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli