"No a Malagrotta bis", protesta anche la coppia Izzo-Tognazzi

Anche Simona Izzo e Ricky Tognazzi sono tra i cittadini che chiedono che non venga realizzata la discarica di Monte Carnevale. Applausi per il loro intervento davanti alla folla di persone che manifestano alla Pisana. "Abbiamo già dato, abbiamo pagato la nostra tassa con la salute da 40 anni a questa parte", dice l’attore e regista. "Abbiamo investito tutto in questa zona e la mia casa si è svalutata, come fosse di latta ora. E quindi non solo una questione di salute ma anche di portafogli. O ce ne andiamo tutti o ci suicidiamo tutti", sottolinea a sua volta la moglie, Simona Izzo facendo presente che lì si respirano veleni, di cui non si sa la natura: "Vorrei tanto capire cosa siamo costretti a respirare". Durante il suo intervento, Simona Izzo ha detto che vorrebbe incontrare il governatore del Lazio Nicola Zingaretti. 

La questione della svalutazione dell’abitazione è uno dei temi che lamentano parecchi cittadini della zona. "Ho quasi 80 anni e sono 30 che lotto contro questa discarica. Casa mia non vale più niente", dice Pietro Paolo Pisu, uno dei cittadini di Valle Galeria con indosso la maglia gialla e la scritta che chiede che la zona sia ‘libera’. "Non so dove andare ad abitare, dove mandare mia figlia affinché non muoia di tumore. Perché in zona c’è una incidenza di morti di tumore del 28% superiore alla media. Una vergogna -afferma con rabbia Pisu- Vogliamo parlare anche con l’assessore alla Sanità: si prenda le sue responsabilità! Siamo stanchi".