"No a onori ipocriti", Klemp (Sea Watch) rifiuta medaglia Parigi

webinfo@adnkronos.com

"Mi volete dare una medaglia per delle azioni che contrastate all'interno delle vostre mura. Sono sicuro che non vi sorprenderete se rifiuto questa medaglia". Così Pia Klemp, l'ex capitana della Sea Watch-3 e collega di Carola Rackete rispondendo in una lettera al sindaco di Parigi, Anne Hidalgo che voleva premiare l'azione della giovane attivista tedesca nel mar Mediterraneo. 

"Signora Hidalgo mi volete decorare per la mia azione di solidarietà nel mare Mediterraneo perché i nostri equipaggi 'lavorano quotidianamente a salvare migranti in situazioni difficili'. Allo stesso tempo la vostra polizia ruba le coperte alle persone costrette a vivere per strada, mentre reprimete delle manifestazioni e criminalizzate delle persone che difendono i diritti dei migranti e dei richiedenti asilo", sottolinea ancora Klemp.  

"Parigi - sottolinea - non sono lì per 'aiutare'. Sono solidale al tuo fianco. Non abbiamo bisogno di medaglie. Non abbiamo bisogno di poteri che decidano che è un 'eroe' e chi è una persona 'illegale'. Siamo tutti uguali. Quello di cui abbiamo bisogno è di libertà e di diritti. E' tempo di denunciare onori ipocriti e colmare il vuoto con la giustizia sociale. E' tempo che ogni medaglia venga lanciata per aprire la strada alla rivoluzione. Documenti e alloggi per tutte e tutti. Libertà di circolazione", scrive ancora Klemp che nella sua lettera sottolinea: "Parigi, ti amo. Ti amo per le persone libere e solidale che ci vivono (...) Ti amo per quelli che condividono la loro abitazione, il loro amore e la looro lotta ogni giorno senza preoccuparsi della nazionalità delle persone o di sapere se hanno dei documenti o meno".