No-vax minacciano Mario draghi sul web: la Digos sta indagando

·1 minuto per la lettura
No-vax minacciano draghi
No-vax minacciano draghi

Insulti e minacce via web da parte dei no-vax per l’attuale premier Mario Draghi. La causa sembrerebbe derivare dalle misure adottate dal Governo per contrastare la pandemia.

Insulti e minacce per Mario Draghi dai no-vax

Ennesimo attacco da parte dei no-vax nei confronti del Governo. Questa volta ad essere bersagliato è stato Mario Draghi in persona, l’attuale Presidente del Consiglio dei Ministri italiano. Gli insulti sono sfociati addirittura in minacce, ed il filo conduttore sembra essere la condotta adottata dall’ex presidente della BCE in merito alla gestione della pandemia e alla questione green pass.

Draghi minacciato dai no-vax: interviene la Digos

Dalla mattina del 30 settembre, sono in corso da parte del personale della Digos della Questura di Roma e dei Compartimenti di Polizia Postale, perquisizioni personali, locali ed informatiche a carico di quattro persone residenti in diverse città italiane.

Gli accertamenti sono stati disposti nell’ambito di un’inchiesta sulla campagna d’odio, veicolata sul web attraverso insulti e minacce, nei confronti del Presidente del Consiglio e di altri suoi collaboratori.

Minacce per Draghi: i profili dei no-vax

I contenuti dei profili analizzati hanno in prevalenza carattere negazionista e prendono di mira anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il ministro della Salute, Roberto Speranza, in relazione alle misure introdotte per contrastare il diffondersi del Covid-19.

Le indagini hanno portato anche all’individuazione di “falsi profili” intestati al “Presidente Draghi” e a pagine che fanno esplicito riferimento al premier ed al suo operato istituzionale, attraverso il ricorso ad espressioni offensive e minatorie.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli