No vax morì dopo il rifiuto delle cure: tutta la famiglia contagiata

·1 minuto per la lettura
No vax morì dopo il rifiuto delle cure: tutta la famiglia contagiata (Getty Images)
No vax morì dopo il rifiuto delle cure: tutta la famiglia contagiata (Getty Images)

Morì sabato scorso all'ospedale Santa Maria Gorietti di Latina dopo essersi strappato il casco dell'ossigeno. Ora tutta la famiglia del 28enne no vax è contagiata e due familiari sono ricoverati in ospedale, il padre è in gravi condizioni ed è stato trasferito a Roma. Secondo quanto si apprende ad essersi contagiati anche il fratello, la madre e la fidanzata del giovane morto.

Il 28enne era giunto al Pronto soccorso di Terracina il 16 gennaio scorso e gli erano state diagnosticate infezione SarsCov2 e insufficienza respiratoria grave. Trasferito il giorno seguente all'ospedale Goretti di Latina nel reparto di Terapia Intensiva Covid, è morto a causa di un ulteriore aggravamento delle sue condizioni di salute.

VIDEO - Vaccino Novavax, quando arriva in Italia?

"Quando il giovane di 28 anni, convinto no vax, è arrivato all'ospedale di Terracina aveva già bisogno del casco, era in condizioni critiche. Se lo era strappato ma i medici ci hanno parlato e lo hanno convinto a rimetterlo". Così la dg della Asl di Latina, Silvia Cavalli, aveva commentato il gesto del giovane no vax deceduto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli