Nobel: chimico Filippini, 'grazie a List e McMillan avremo un'industria più green'/Adnkronos

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 6 ott. (Adnkronos) – "Avremo un'industria più green, una produzione più green nella farmaceutica, nell'agroalimentare e anche nella cosmetica" grazie agli studi condotti dai Nobel per la Chimica 2021 Benjamin List e David McMillan. A indicarlo, conversando con l'Adnkronos, è il chimico organico Giacomo Filippini, ricercatore del Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche dell'Università di Trieste dove si studia l'organocatalisi con nanotecnologie.

"L'orizzonte che apre l'organocatalisi asimmetrica – letteralmente lanciata da List e McMillan – consentirà infatti nella farmaceutica di realizzare quei 'mattoncini' indispensabili per produrre il principio attivo alla base di un farmaco in maniera sempre più sostenibile, economica, semplice e green" spiega Filippini. "L'uso di organocatalizzatori -continua- evita l'uso di sistemi basati su metalli che sono costosi, potenzialmente tossici e di più difficile reperibilità sul mercato". Tutto questo, aggiunge, "potrebbe anche facilitare la produzione di nuovi principi attivi per farmaci capaci di alleviare effetti di malattie virali come il Covid".

List e McMillan, prosegue il chimico italiano, "hanno lanciato un campo della chimica che sta diventando strategico a livello industriale". "Il campo di ricerca dell'organocatalisi asimmetrica permette infatti -spiega Filippini- di produrre in maniera semplice, efficace e green molecole strategiche per i settori farmaceutico, agroalimentare e cosmetico".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli