Nobel Letteratura, perché quest'anno ci sono due vincitori

webinfo@adnkronos.com

Sono stati due quest'anno i premiati per il Nobel della Letteratura. Perché? Dopo lo scandalo per molestie che tra il 2017 e il 2018 ha travolto e condannato il marito di una ex giurata, il fotografo e regista Jean-Claude Arnault, portando a una serie di dimissioni nell'Accademia, il premio era stato sospeso e rimandato a quest'anno.Quindi alle 13 in punto a Stoccolma, saranno annunciati per la prima volta due vincitori insieme: per il 2018 e per il 2019.  

Arnault, 73 anni, è stato un personaggio di spicco della scena culturale svedese. Il club Forum, da lui fondato nel 1989, e di cui era direttore artistico, era frequentato dal bel mondo della cultura e le arti e riceveva generosi sussidi dall'Accademia di Svezia. Lo scandalo che lo ha investito è scoppiato nel novembre 2017, quando il quotidiano svedese 'Dagens Nyheter' rivelò accuse di molestie sessuali mosse nei suoi confronti da 18 donne, per fatti risalenti al 2011.  

Arnault ha sempre negato tutto, ma intanto lo scandalo, nell'era di #MeToo, ha scosso profondamente l'Accademia, dove sedeva la moglie, la poetessa Katarina Frostenson. Gli accademici si sono subito spaccati sull'atteggiamento da tenere verso la letterata, mentre si parlava sempre più di un clima di omertà e favoritismo verso Arnault. Alla fine solo 9 dei 18 accademici sono rimasti al loro posto, portando l'istituzione alla paralisi perché serviva un quorum minimo di 12 persone per ogni delibera.  

Ad aggravare lo stallo è stato fatto che l'incarico di accademico è a vita e non prevedeva la possibilità dimissioni, al massimo si poteva decidere di non partecipare ai lavori, come hanno fatto nove giurati. Nel maggio 2018 è stato annunciato i rinvio di un anno del conferimento del Premio Nobel per la letteratura 2018.  

Nel frattempo è stata aperta un'inchiesta contro Arnault che ha portato a un solo processo, per due stupri commessi nel 2011 contro una stessa donna. Il racconto della donna che ha denunciato i due stupri, avvenuti in un appartamento di Stoccolma, era suffragato dalle parole di sei testimoni ed è stato ritenuto "credibile" dai giudici. La corte ha stabilito all'unanimità la condanna a due anni per Arnault, poi confermata in appello il 3 dicembre 2018. Nell'aprile 2019 è stato completato il rinnovamento dell'Accademia Reale Svedese con la nomina di Mats Malm, 54 anni, professore di teoria della letteratura all'Università di Göteborg in Svezia, alla carica di segretario permanente dell'Accademia Svedese, in carica dal 1 giugno e succedendo ad Olsson. E proprio il suo essere "incontaminato" rispetto alla vecchia gestione, che è stata via via decapitata da una decina tra membri rimossi o dimessi, ha garantito agli occhi della Fondazione Nobel il massimo rispetto delle regole e la correttezza nel processo decisionale per arrivare a decretare i due nuovi vincitori del prestigioso riconoscimento letterario.