Nobel per la Pace al bielorusso Bielacki e a due Ong, una russa e una ucraina

Il Comitato per il Nobel ha premiato una persona e due associazioni, tutti attivi nella difesa dei diritti umani. L'attivista è il dissidente bielorusso Ales Bialiatski, le organizzazioni sono l'Ong russa Memorial e il Center for Civil Liberties ucraino.

Le motivazioni della scelta dei neo-laureati sono indicate dall'Accademia nell"impegno in difesa dei diritti umani e del diritto di criticare il potere, di difesa dei diritti dei cittadini per i diritti dei cittadini e contro gli abusi di potere, per aver documentato crimini di guerra".

Subito dopo l'annuncio dell'assegnazione del riconoscimento, il presidente del Comitato, Berit Reiss-Andersen, ha chiesto alla Bielorussia la liberazione del dissidente Ales Beliatski.