Nobel per la pace assegnato a Ales Bialiatski e ong russa e ucraina

Il Nobel per la Pace è stato assegnato al dissidente bielorusso Ales Bialiatski, gli attivisti russi di Memorial e ai volontari ucraini del Center for Civil Liberties. La motivazione, ha specificato il Comitato per il Nobel norvegese, risiede nell' "impegno in difesa dei diritti umani e del diritto di criticare il potere, di difesa dei diritti dei cittadini e contro gli abusi di potere, per aver documentato crimini de guerra". Attivista per i diritti civili, Ales Bialiatski è noto per il suo lavoro con il Viasna Human Rights Centre of Belarus.

LEGGI ANCHE: La veterana dei diritti umani Gannushkina e la Russia che non vuole guerra

LEGGI ANCHE: Alla francese Annie Ernaux il Nobel per la Letteratura