Nobel, premio per la pace 2019 a premier etiope Abiy Ahmed -3-

Bea

Roma, 11 ott. (askanews) - "Quando Abiy ha teso la mano, il presidente Afwerki l'ha afferrata e ha contribuito a formalizzare il processo di pace tra i due Paesi". Il comitato "spera che la pace possa portare cambiamenti positivi per l'intera popolazione di Etiopia ed Eritrea". In Etiopia "anche se molto resta da fare, Abiy Ahmed ha avviato importanti riforme che danno a molti cittadini speranza per una vita migliore". Nei suoi primi cento giorni da premier Abiy Ahmed "ha abolito lo stato di emergenza del paese, concedendo l'amnistia a migliaia di prigionieri politici, interrompendo la censura dei media, legalizzando i gruppi di opposizione illegali, licenziando leader militari e civili sospettati di corruzione e aumentando significativamente l'influenza di donne nella vita politica e comunitaria etiope. Ha anche promesso di rafforzare la democrazia organizzando elezioni libere ed eque". (Segue)