**Nobel: Solzenicyn, archivi rivelano timori giurati per dissidente sovietico** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – L'Accademia Svedese aveva già assegnato il Nobel allo scrittore russo Boris Pasternak nel 1958, dopo la pubblicazione del "Dottor Zivago". Pasternak accettò il premio, ma in seguito fu costretto a rifiutarlo dalle autorità sovietiche che avevano bandito il suo romanzo. Nel 1965 il Nobel andò a Mikhail Sholokhov, uno scrittore accettabile per il governo sovietico.

Henry Olsson, un altro membro dell'Accademia Svedese, si oppose al punto di vista di Lundkvist: "Proprio perché abbiamo consegnato il premio allo stalinista Sholokhov nel 1965, l'imparzialità richiede che dovremmo anche essere in grado di darlo a un comunista più critico nei confronti del sistema sovietico, come Solzenicyn".

Schueler osserva che il fraseggio di Olsson è ambiguo, ma aggiunge che "suggerisce che dare il premio a Sholokhov era un modo per placare lo stato sovietico che aveva perseguitato aggressivamente Pasternak".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli