Nomine in Cdp, Rai e Fs. Ora è tutta colpa di Tria

Alessandro De Angelis

Slitta l'assemblea di Cassa depositi e prestiti, per la quinta volta. Quasi un record. Sui vertici Rai l'accordo non c'è. E nemmeno su Ferrovie. C'è un problema sulla delicata questione delle nomine, che sta diventato un "caso". E c'è lo spin sui "colpevoli". Un viceministro pentastellato, a microfoni spenti, spiega: "Il problema non è tra noi e la Lega, il problema è con Tria, che si sta mettendo di traverso".

Cdp è la madre di tutte le nomine dell'era gialloverde, primo vero banco di prova degli equilibri nel governo e, al tempo stesso, tra il governo e la finanza italiana. Salta lo schema previsto dal Tesoro, che prevedeva una sorta di "sdoppiamento: come amministratore delegato Dario Scannapieco, attuale direttore della Banca europea degli investimenti in Italia molto stimato anche da Mario Draghi; come direttore generale di Fabrizio Palermo, attuale direttore finanziario e molto vicino a Luigi Di Maio e Casaleggio jr. Lo schema salta perché alla fine è lo stesso Casaleggio a ritenere troppo "autonomo" rispetto ai partiti il nuovo ad, chiedendo pieni poteri aPpalermo. A quel punto però è troppo per la Lega, senza garanzie su Rai – anche lì c'entra il Tesoro - e Ferrovie. Il problema è serio. Ecco Giancarlo Giorgetti, in un angolo del Transatlantico mentre il Parlamento è impegnato a votare i quattro carneadi del nuovo cda Rai. È perennemente attaccato al telefono, dove passa il traffico dei dossier che contano: "Siamo ancora in alto mare".

È in questa confusione che il problema si intreccia allo spin dei partiti, per cui Tria sta già diventando un "capro espiatorio" della paralisi sulle nomine, un po' come Boeri lo è stato sui dati dell'Inps e la Ragioneria sulla questione della relazione tecnica, secondo un riflesso per cui non c'è una difficoltà frutto dell'incapacità, ma una manina all'opera per ostacolare il grande cambiamento. Stavolta tocca a Tria, perché il ministro, raccontano, "non fa squadra". Il chaier de doleance è già...

Continua a leggere su HuffPost