Non è mancata la replica dell'artista

·2 minuto per la lettura
Statua della Spigolatrice di Sapri: è polemica
Statua della Spigolatrice di Sapri: è polemica

Scoppia la polemica sulla nuova statua della Spigolatrice di Sapri: “è sessista”. L’artista: “La rifarei nuda”, il sindaco: “Realizzata con maestria e impeccabile interpretazione”.

Nuova statua della Spigolatrice di Sapri: è polemica

“Curve troppo provocanti“, “procace”, “sessista“, “bomba sexy”: sono alcune tra le critiche sui social dedicate alla nuova statua della Spigolatrice di Sapri, simbolo patriottico del Risorgimento italiano celebrata da Luigi Mercantini nella omonima poesia in omaggio alla fallita spedizione di Carlo Pisacane del 1857.

L’opera, frutto dell’artista cilentano Emanuele Stifano, è stata ricoperta dalle polemiche per le forme accentuate messe in risalto dall’abito succinto con le quali è ritratta la lavoratrice dei campi nella statua di bronzo, contrariamente alla figura storica delle spigolatrici dell’Ottocento, con indosso abiti ampi che poco lasciavano intravedere, come nel dipinto di Jean-François Millet.

La Spigolatrice di Sapri: le critiche alla nuova statua

“Ci mancava l’artista che ci ricorda che è col nostro cu…o, letteralmente e metaforicamente che il maschio artista e non diventa famoso. Grazie, se mai c’è ne fosse bisogno oltre tutto il resto, per averci ricordato quale debba essere il nostro ruolo in società e nell’arte: femmine ipersessualizzate per il piacere maschile. La vergogna dovrebbe sopraffarti”.

“L’arte, soprattutto quando a essa ci si dedica a tempo pieno, dovrebbe essere un’occasione di cambiamento e di crescita, non solo per chi la vede (o ascolta o legge e via così) ma anche per chi ne è l’autore. Dovrebbe: appunto, non è un obbligo”.

Questi sono alcuni dei commenti di critica che si leggono sotto al post pubblicato dallo scultore sul suo profilo Facebook.

Nuova statua della Spigolatrice di Sapri, è polemica: la replica dell’artista

Non manca la replica dello scultore Emanuele Stifano, che, rispondendo ai commenti su Facebook, scrive: “Se fosse stato per me avrei fatto una figura completamente nuda, lo stesso vale a dire per il Palinuro di qualche anno fa e per le statue che farò in futuro, a prescindere dal sesso, semplicemente perché sono amante del corpo umano in generale e mi piace lavorarci. Penso comunque sia inutile dare spiegazioni a chi vuole assolutamente vederci depravazioni o cose varie”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli