Non è stata una buona giornata per le Ferrari

·1 minuto per la lettura
FLORENT GOODEN / DPPI via AFP

AGI - Max Verstappen domina e stravince il Gran Premio di Imola, chiudendo davanti al compagno di scuderia Sergio Perez per una doppietta Red Bull pesantissima in casa della Ferrari. Sale sul podio anche Lando Norris su McLaren. Gara da incubo per la Rossa, con Carlos Sainz messo fuori causa dopo un paio di curve e Charles Leclerc che non riesce ad andare oltre un sesto posto dopo un testacoda con danni alla macchina a dieci giri dalla fine.

Il monegasco resta comunque in testa alla classifica piloti, ma si lascia recuperare punti pesanti dal rivale olandese. Partenza bagnata, partenza tutt'altro che fortunata per la Ferrari, con Leclerc che perde subito due posizioni a favore di Perez e Norris, mentre Sainz viene messo fuori causa da un contatto con Ricciardo rimediando il secondo 'zero' consecutivo, dopo quello in Australia.

Leclerc riesce comunque a risalire in zona podio superando la McLaren, ma non ne ha per stare al passo delle due Red Bull, con Verstappen che inizia a dettare il ritmo prendendosi 12 secondi di vantaggio sul compagno di scuderia messicano. Nel frattempo la pista si asciuga e si passa alle gomme slick, senza però sostanziali modifiche alla classifica della gara.

Russell dopo una buona partenza si conferma stabile al quinto posto con la sua Mercedes, mentre Hamilton fa una fatica immensa nelle retrovie nella lotta per il 13 posto con l'Alpha Tauri di Gasly. Il colpo di scena arriva nel corso del 53esimo giro, quando Leclerc si gira in testacoda nel tentativo di spingere al limite per recuperare su Perez, ma va a sbattere contro il muro danneggiando l'ala anteriore e venendo costretto al pit-stop per sostituirla. Rientra in nona posizione e riesce a limitare i danni chiudendo sesto con tanto disappunto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli