"Non ha augurato morte a Salvini", chi difende il giornalista

webinfo@adnkronos.com

Non solo Chef Rubio. Insieme alla condanna pressoché unanime della politica al duro post di Fabio Sanfilippo contro Matteo Salvini, ecco arrivare anche la solidarietà via Twitter al caporedattore di Radio Rai1. Tanti infatti gli utenti che hanno deciso di esprimere vicinanza al giornalista, 'vittima', secondo alcuni, di una scarsa comprensione del testo da parte di chi ora lo condanna. 

"Ovviamente non c'è alcun invito al suicidio", scrive ad esempio @Keynesblog che riporta integralmente il post di Sanfilippo, mentre per @Paosa8 il giornalista avrebbe semplicemente scritto "una lettera antipatica ma vera, NON AUGURA LA MORTE e la chiosa sulla figlia se l'è cercata, ha usato la figlia, non è corretto e potrebbe crearle problemi. Basta sapere leggere e non distorcere", il giudizio. 

E ancora @Rosilcolore, che spiega: "Fossi in Salv1n1 apprezzerei l'onestà intellettuale e riflettersi sui contenuti". E se per @annalore64 "si può tranquillamente parlare di sarcasmo: può piacere o meno, ma non ha mai ammazzato nessuno. Del resto, chi semina vento raccoglie tempesta", @PorcoSpino11 è certo che Sanfilippo "non ha augurato né morte né suicidio. Solo gli ignoranti non vogliono capire il senso metaforico di "spararsi". Sì, c'è davvero da spararsi a vedere tanta malafede. O di morire dalle risate", chiosa. 

Durissima @tossina_libera, per la quale "i frignamenti delle bestie di #Salvini che nn hanno letto il pezzo fanno ridere, gente che applaude le morti in mare, augura stupri, invoca l'uso delle armi deve stare MUTA". Più moderato @nicvaccani, per cui "il post di #FabioSanfilippo è orripilante perché trasuda odio però definirlo un'istigazione al suicidio ("tempo sei mesi ti spari") mi sembra francamente esagerato".  

E ancora @pasquino2000 - che spiega come il giornalista "non ha augurato la morte a Salvini. Ha espresso una critica, forse eccessiva, verso chi ha ottenuto consenso tramite insulti, arroganza e cattiveria, sfruttando l’ignoranza dei suoi accoliti" - e @adatit1, che si chiede "come faccia 'ti sei impiccato da solo' a diventare un augurio ad uccidersi. Se non ci fossero i giornalisti italiani a dargli visibilità e solidarietà - sentenzia - Salvini non esisterebbe proprio".  

"Vedo #FabioSanfilippo in trend e decido di informarmi: avrebbe augurato a Salvini la morte; decido di andare a pescare il messaggio del giornalista e lo trovo. Ora voglio chiedere ai lobotomizzati: DOVE C.... LO AVETE LETTO L'INVITO A SALVINI A SUICIDARSI???", chiede @MissOnorott. A liquidare con una battuta la questione è, infine, la pagina Abolizione del suffragio universale: "Se l'espressione figurata 'ti sei impiccato da solo' (politicamente) genera tutto questo sdegno, chiediamo l'ergastolo per 'questo amore è una camera a gas' di Gianna Nannini".