Non c'è pressione sulle terapie intensive, assicura Arcuri

·1 minuto per la lettura

AGI - Ad oggi "non c'è pressione" sulle terapie intensive in Italia. A sottolinearlo, intervenendo a un evento digitale, il commissario all'emergenza Covid, Domenico Arcuri.

"Al picco abbiamo avuto nel nostro Paese circa 7 mila pazienti in rianimazione, duemila di più della totale capienza dei reparti. Oggi abbiamo circa 10 mila posti di terapia intensiva e arriveremo a 11.300 nel prossimo mese. Attualmente ci sono circa 3.300 ricoverati per Covid in terapia intensiva quindi la pressione su questi reparti non c'è", ha detto.

"Negli ultimi 10 giorni i miei uffici hanno distribuito il 10% delle attrezzature per la terapia intensiva pari a quelle che sono state distribuite negli ultimi 60 anni", ha aggiunto Arcuri, lamentando che nel passato "il sistema sanitario non è stato considerato un fattore competitivo".