Non c'è nessuna saldatura tra gli elettori M5S e della Lega. E il Carroccio vince sui temi Migranti e Sicurezza, non per la leadership di Salvini

Claudio Paudice

Il centrodestra a trazione leghista è il vincitore indiscusso del secondo turno delle Comunali, il centrosinistra il grande sconfitto. La considerazione istintiva che sorge spontanea è: l'asse di Governo tra M5S e Lega si è riverberato sulle elezioni comunali contribuendo al successo del centrodestra ai ballottaggi. Sarebbe una considerazione errata: l'accordo nazionale tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini non ha prodotto una saldatura tra gli elettorati dei rispettivi partiti. Lo evidenzia l'istituto Cattaneo nella sua analisi post-voto: come spiega all'HuffPost il ricercatore Marco Valbruzzi "da un punto di vista elettorale non c'è stata la saldatura giallo-verde. Si è vista, questa convergenza, solo là dove serviva ovvero principalmente nelle zone rosse dove c'era un avversario incarnato dal 'potere' costituito, il 'sistema' rappresentato dalla storica dominazione della sinistra di quelle aree. A Pisa, ad esempio, si vede come il 70% circa degli elettori M5S sia andato in soccorso del centrodestra. A Imola, anche. Ma si tratta a tutti gli effetti di una saldatura naturale, di opposizione e d'opportunismo tra i due elettorati, non certo politica e non sui temi".

Guarda anche:

Tutte le curiosità più strane della COPPA DEL MONDO 2018

Lo dimostra il comportamento degli elettori leghisti e pentastellati in altre aree, ben diverse dalle cosiddette zone rosse dove il processo di decomposizione dell'offerta politica di sinistra è in fase avanzata da tempo (già iniziato con le Regionali del 2015) e pertanto sembra procedere verso un suo 'fisiologico' completamento. "In altre aree non-rosse, l'elettorato M5S è rimasto a casa: si tratta di un elettorato molto libero nell'espressione del voto che evidentemente non sente, almeno per ora, la camicia di forza dell'accordo di governo sul piano nazionale".

Se a Pisa abbiamo visto un soccorso M5S, e ad Imola pure, a Teramo il centrosinistra - in sorpasso rispetto al primo turno - ha battuto il centrodestra che ha subito una forte perdita (pari al 5,4% del corpo elettorale) verso...

Continua a leggere su HuffPost