Non ci saranno isole Covid free: l'ordinanza Figliuolo non lo prevede

·2 minuto per la lettura

 

AGI - Non ci saranno isole Covid free. L'ipotesi che ci possano essere località turistiche privilegiate non esiste, secondo quanto apprende l'AGI, perché vale l'ultima ordinanza di Francesco Paolo Figliuolo che prevede come categorie prioritarie da vaccinare quelle degli over 80 e dei fragili. 

La Struttura commissariale per l'emergenza Covid conferma all'AGI che l'ordinanza numero 6 - firmata da Figliuolo venerdì scorso, 9 aprile, in coordinamento con il ministero della Salute - ha valenza nazionale e deriva dalle direttive politiche del presidente del consiglio, Mario Draghi. 

Significa, in pratica, che non ci saranno eccezioni nonostante le 'lamentele' di isole, piccoli Comuni o di presidenti di Regione. La priorità resta quella di vaccinare gli anziani e le categorie fragili: è questa, viene ricordato, la linea politica indicata dal premier Draghi e messa nero su bianco, con l'ordinanza, dal commissario Figliuolo. 

Nel testo dell'ordinanza si legge che "la vaccinazione rispetta il seguente ordine di priorità: persone di età superiore agli 80 anni; persone con elevata fragilità e, ove previsto", anche i "familiari conviventi, caregiver, genitori/tutori/affidatari; persone di età compresa tra i 70 e i 79 anni e, a seguire, di quelle di età compresa tra i 60 e i 69 anni, utilizzando prevalentemente vaccini Vaxzevria (precedentemente denominato Covid-19 Vaccine AstraZeneca) come da recente indicazione dell'Aifa". 

E ancora, prosegue l'ordinanza numero 6: "Parallelamente alle suddette categorie è completata la vaccinazione di tutto il personale sanitario e sociosanitario, in prima linea nella diagnosi, nel trattamento e nella cura del Covid-19 e di tutti coloro che operano in presenza presso strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private. A seguire, sono vaccinate le altre categorie considerate prioritarie dal Piano nazionale, parallelamente alle fasce anagrafiche secondo l'ordine indicato".     

Infine, si precisa che "le persone che hanno già ricevuto una prima somministrazione, potranno completare il ciclo vaccinale col medesimo vaccino".