"Non ha denunciato prete pedofilo", cardinale Barbarin assolto -3-

Ska

Città del Vaticano, 30 gen. (askanews) - Quanto a Barbarin, appena pronunciata la sentenza di primo grado, il 7 marzo, aveva annunciato sia l'intenzione di rassegnare le dimissioni nelle mani del Papa sia la decisione dei suoi avvocati di fare ricorso. E il giorno dopo un'udienza papale, avvenuta il 18 marzo in Vaticano, aveva poi comunicato che Francesco aveva rifiutato le sue dimissioni "invocando la presunzione di innocenza" e gli aveva lasciato la decisione da prendere per il bene della diocesi. Barbarin ha conseguentemente scelto di prendere un "certo periodo" di ritiro, affidando la guida della diocesi al suo vicario generale moderatore, il padre Yves Baumgarten.

A giugno, infine, lo stesso padre Baumgarten aveva annunciato che il Papa aveva nominato monsignor Michel Dubost, vescovo emerito di Evry-Crobeil-Essonnes, amministratore apostolico "sede plena et ad nutum Sanctæ Sedis". Barbarin è dunque rimasto arcivescovo di Lione. La sua vicenda, ha però segnato tanto la diocesi di Lione quanto la Chiesa francese.