"Non l'ho quasi mai vista, è un disastro", Trump contro la nipote

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Dopo essere rimasto stranamente in silenzio per giorni sul libro, che ha venduto quasi un milione di copie in 24 ore, in cui viene descritto come "l'uomo più pericoloso del mondo", Donald Trump si scaglia su Twitter contro la nipote Mary definendola "un disastro".

"Mary Trump, una nipote che non ho visto quasi mai, che non sa quasi niente di me, dice cose false sui miei straordinari genitori (che non potevano sopportarla) e di me e che ha violato un accordo di riservatezza, è un disastro", ha scritto il presidente. Trump poi ha cercato di minimizzare l'impatto del libro: "Molti libri sono stati scritti su di me, alcuni buoni, alcuni cattivi, e ne saranno scritti altri".

"Mio nonno non aveva sentimenti positivi verso nessuno eccetto forse Donald", è stata la replica di Mary Trump che invece ha detto che era molto legata alla nonna e che lo zio in passato, prima della disputa legale per l'eredità, le aveva chiesto di essere la ghost writer del suo secondo libro.

Riguardo poi al fatto che Trump l'ha definita un disastro, usando il termine mess, l'autrice sottolinea che questo è un termine che Trump usa per "offendere in particolare le donne e, onestamente, sono buona compagnia: credo che abbia detto la stessa cosa di Nancy Pelosi e a me questo va benissimo".