Non sarebbe doloso l'incendio del Ponte di Ferro

·2 minuto per la lettura

La Procura della Repubblica aprirà formalmente l'inchiesta sul rogo che ha distrutto il Ponte di ferro a Roma appena avrà in mano l'informativa dei carabinieri della Compagnia Trastevere che indagano sul disastro. 

L'indagine dovrà accertare l'origine dell'incendio che in poche ore ha avvolto l'intera struttura danneggiandola gravemente. Al momento, secondo quanto apprende l'AGI, il rogo non sembrerebbe di origine dolosa.

La presenza di alcune persone accampate sotto al ponte e di alcune sterpaglie potrebbe aver avuto un ruolo di detonatore delle fiamme, che hanno avvolto le tubature del gas e dell'elettricità che corrono lungo la struttura.  

La sindaca di Roma Virginia Raggi, fuori dal seggio elettorale ad Ottavia, ha detto: "Aspettiamo l'esito delle indagini. Io non mollo. Amo Roma".

Intanto sono circa 180 le famiglie ancora senza corrente, utenze e gas.

Insieme alle indagini si procede alle verifiche dei vigili del fuoco sulla struttura in parte ancora agibile.

"Una parte del ponte è crollata - spiega all'AGI una fonte delle forze dell'ordine - i vigili del fuoco dovranno fare opportune verifiche prima di prendere qualsiasi decisione sul futuro della struttura. Il calore, infatti, potrebbe averne compromesso del tutto la stabilità".

Il ponte dell'Industria collega Trastevere con Ostiense - zone della movida e densamente popolate - attraversando il Tevere, senza però comprometterne apparentemente la stabilità statica né causare feriti.

In pochi minuti il ponte è stato avvolto dalle fiamme in diversi punti. I vigili del fuoco sono intervenuti tempestivamente ma hanno dovuto attendere alcuni istanti prima di mettere mano ai cavi elettrici, poi hanno impiegato 40 minuti per spingere il rogo.

Dopo pochi minuti è venuta giù una passerella lunga circa 7 metri che corre sotto la struttura e che serviva per la manutenzione e il passaggio di cavi elettrici, spiegano i vigili del fuoco.   

"E' presto per dire quando sarà possibile riaprire il ponte", ha sottolineato Francesco Notaro dei vigili. "Anche se la struttura in sé appare intatta, abbiamo già notato delle possibili deformazioni. Serviranno un sopralluogo e altre verifiche", ha aggiunto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli