Non solo Conte. Casaleggio sfida anche il Garante della privacy

(Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)
(Photo: Mondadori Portfolio via Getty Images)

Davide Casaleggio sfida perfino il Garante della privacy, non solo il Movimento 5 Stelle: “Ci indichi la persona alla quale consegnare i dati del MoVimento. La persona che lui ritiene essere il titolare e rappresentante legale, dal momento che invece le aule di tribunale hanno sancito che il MoVimento 5 Stelle non ha questa figura in questo momento”. Il figlio del cofondatore, nel giorno in cui il Garante per la protezione dei dati personali ha ordinato all’Associazione Rousseau di consegnare entro cinque giorni tutti i dati degli iscritti M5s, è pronto a un nuovo ricorso e a lasciare il partito ancora in stallo.

I vertici grillini chiedono da tempo di entrare in possesso di tutti i dati riguardanti i loro iscritti, senza di questi sarebbe impossibile proseguire l’attività del Movimento. Solo un elenco completo consentirebbe di mettere in piedi una piattaforma alternativa a Rousseau in cui inserire i dati e far ripartire la democrazia diretta prevista da regolamento.

Secondo la documentazione acquisita dall’Autorità, il Movimento 5 Stelle e l’Associazione Rousseau risultano essere, rispettivamente, titolare e responsabile del trattamento dei dati degli iscritti al Movimento. Per questa ragione Casaleggio, presidente dell’Associazione, dovrebbe consegnare l’elenco degli iscritti a M5s in modo tale che il partito possa procedere alla votazione di Giuseppe Conte come capo politico su un’altra piattaforma che non sia Rousseau. Ma il figlio del cofondatore continua ad andare allo scontro dicendo che è disponibile a consegnare i dati solo a una figura terza che si impegni a darli “a chi chiunque venga legittimano da un tribunale a riceverli”.

L’ex premier Conte comunque esulta ritenendo che l’impasse si sia sbloccato: “Ora si parte”, dice a caldo. “Il provvedimento del Garante della privacy fa chiarezza e spazza via qualsiasi pretesto, confermando le...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.