Non solo Visegrád a est: premio Carlo Magno al presidente della Romania, Iohannis

·1 minuto per la lettura

Guardare a est, dove il gruppo di Visegrád si qualifica per il nazionalismo dei Paesi che ne fanno parte e per le sue istanze euroscettiche, serve a cementare l'Unione europea là dove è più fragile.

Per questo motivo, il premio internazionale Carlo Magno - assegnato al presidente della Romania Klaus Iohannis - riveste un'importanza ancor più grande, come ha sottolienato il presidente del Consiglio dell'Unione, Charles Michel.

"Nella parte orientale dell'Unione, un uomo in particolare si distingue per incarnare i nostri valori europei condivisi - ha dichiarato Michel - si tratta del presidente della Romania Klaus Iohannis. Con enorme dedizione e successo, Iohannis ha portato la Romania a esprimere una politica pro europea incentrata sullo stato di diritto. Ha rafforzato così l'Unione europea".

Klaus Iohannis, che ha ricevuto il premio conferito dalla città tedesca di Aquisgrana a personalità con meriti particolari in favore dell'integrazione e unione in Europa, ha espresso la sua gratitudine: "Il premio ha un significato eccezionale per me e per i cittadini della Romania, che oggi sono anche cittadini dell'Unione europea. I valori e i principi della democrazia e dell'unità europea sono il fondamento dell'Unione" ha commentato.

Assegnato dal 1950 e intitolato a Carlo Magno considerato il primo fautore dell'Europa unita, il premio è stato conferito a Iohannis dalla sindaca di Aquisgrana, Sibylle Keupen, sindaco della città di Aquisgrana.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli