"Non sono l'anti-Salvini", parla Di Battista

webinfo@adnkronos.com
"Io l'anti Salvini? Ma de che". Lo dice nella prima uscita tv dopo il rientro dal Centro America Alessandro Di Battista. Ospite ieri sera di 'Accordi e disaccordi', il talk politico condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi in onda sul Nove, l’ex parlamentare pentastellato, tornato per sostenere il M5S in vista delle europee, sottolinea: "L'ho letto nei giornaloni: 'arriva Di Battista fa l'anti-Salvini'", ma "a me - spiega - non me ne frega niente. Lo dicono - continua - perché forse qualcuno che tutela i poteri forti di questo Paese spera che il governo possa cadere per far tornare quelli di prima".   Replicando ai giornalisti che gli fanno notare come abbia più volte criticato Salvini, Dibba dice: "Io ho bastonato tutti anche me stesso e il M5S. Oggi - torna a sottolineare - c'è la possibilità di portare avanti certe battaglie grandi purché - precisa - se ne abbia il coraggio". Poi alla domanda se sarà il leader del Movimento alle prossime politiche, l’ex parlamentare M5S risponde: "Non lo so. Per me la politica - rimarca - è una passione enorme, attualmente è un'attività di volontariato, non ci voglio prendere una lira". Poi aggiunge: "Ho un rapporto fraterno con Luigi di Maio" e ora, conclude, "bisogna spingere sull'acceleratore".

"Io l'anti Salvini? Ma de che". Lo dice nella prima uscita tv dopo il rientro dal Centro America Alessandro Di Battista. Ospite ieri sera di 'Accordi e disaccordi', il talk politico condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi in onda sul Nove, l’ex parlamentare pentastellato, tornato per sostenere il M5S in vista delle europee, sottolinea: "L'ho letto nei giornaloni: 'arriva Di Battista fa l'anti-Salvini'", ma "a me - spiega - non me ne frega niente. Lo dicono - continua - perché forse qualcuno che tutela i poteri forti di questo Paese spera che il governo possa cadere per far tornare quelli di prima".  

Replicando ai giornalisti che gli fanno notare come abbia più volte criticato Salvini, Dibba dice: "Io ho bastonato tutti anche me stesso e il M5S. Oggi - torna a sottolineare - c'è la possibilità di portare avanti certe battaglie grandi purché - precisa - se ne abbia il coraggio". Poi alla domanda se sarà il leader del Movimento alle prossime politiche, l’ex parlamentare M5S risponde: "Non lo so. Per me la politica - rimarca - è una passione enorme, attualmente è un'attività di volontariato, non ci voglio prendere una lira". Poi aggiunge: "Ho un rapporto fraterno con Luigi di Maio" e ora, conclude, "bisogna spingere sull'acceleratore".