Non sono le buste a inquinare i fiumi in Europa, ma le bottigliette di plastica

MTT
Bottiglie di plastica in un fiume (foto: Getty Images)
Bottiglie di plastica in un fiume (foto: Getty Images)

Negli ultimi anni la crociata contro le buste di plastica, almeno in Europa, ha avuto diversi risultati positivi: molti negozi hanno abbandonato la vendita di questo prodotto, preferendo la carta, oppure hanno adattato i sacchetti verso materiali biodegradabili o composti con elementi più naturali.

Tuttavia non sono le buste a dare più problemi alla natura, secondo un report pubblicato dalle organizzazioni no profit Earthwatch Institute e Plastic Oceans UK. A creare il pericolo più grande sono le bottigliette di plastica, quelle usa e getta che moltissimi usano al lavoro o in viaggio.

Nel report si spiega che le bottiglie di plastica sono la causa maggiore di inquinamento nei corsi d’acqua d’Europa, e che da sole costituiscono il 14% di tutti i rifiuti di plastica che popolano i nostri fiumi. Viceversa, le buste di plastica che usiamo per fare la spesa rappresentano l’1% dei rifiuti nei fiumi. Nella orribile classifica dell’inquinamento, al secondo posto (12%) ci sono i pacchi di plastica che contenevano prodotti alimentari (come le buste delle patatine o della pasta) e al terzo posto le cicche delle sigarette (9%) che sono il disgusto di ogni bagnante.

Evidentemente, per natura, questi rifiuti trovati nei fiumi finiscono poi nei mari e negli oceani, distruggendo l’ecosistema marino e creando i vortici di spazzatura di cui finalmente si sta parlando in modo più diffuso, dopo anni di colpevole silenzio.

Come fare a ridurre l’impatto sui fiumi che scorrono vicino a casa nostra? Per quanto riguarda l’acqua, occorre fare qualche sacrificio: invece di comprare le bottigliette di plastica, investi su una borraccia in metallo da mettere nello zainetto. Più pesante, ma anche più ecologica. Sui pacchetti di patatine o di snack, puoi fare in modo di comprarne di meno cambiando tipo di alimentazione: al lavoro si può portare un frutto, che per altro sazia maggiormente. Sulle sigarette, béh, è presto detto: smettendo di fumare fai anche un grosso favore al tuo corpo, oltre che alla natura.

Dal punto dei vista dei governi, potrebbe funzionare una tassa sulle bottigliette in plastica, in modo da scoraggiare i possibili acquirenti. Sicuramente la legislazione europea ha fatto dei passi in avanti, vietando l’utilizzo di plastica non riciclabile. Ma la strada da fare è ancora lunga.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: