Nordcorea, Biden: test missilistici “non sono una provocazione”

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 24 mar. (askanews) - Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato di non considerare il lancio di missili a corto raggio da parte della Corea del Nord "una provocazione". Secondo l'inquilino della Casa Bianca, i funzionari della Difesa Usa lo hanno definito "business as usual".

La Corea del Nord ha compiuto dei test missilistici lo scorso fine settimana, un'iniziativa che alti funzionari dell'amministrazione Usa hanno minimizzato in quanto ricadono "nella fascia bassa dello spettro" di azioni provocatorie che il regime è in grado di compiere.

Rispondendo ad alcune domande dei giornalisti, Biden ha spiegato: "Abbiamo appreso che non è cambiato nulla". E quando gli è stato chiesto se considerava il test una provocazione, ha risposto: "No, secondo il dipartimento della Difesa, è come al solito. Non c'è una nuova piega in quello che hanno fatto".

Il test nordcoreano era ampiamente previsto, poiché funzionari ed esperti avevano da tempo messo in conto che il leader nordcoreano Kim Jong Un avrebbe tentato di inviare un messaggio all'amministrazione Biden sull'importanza del paese nella regione.

Un funzionario statunitense ha detto alla Cnn che la Corea del Nord ha lanciato missili a corto raggio, forse d'artiglieria o missili da crociera, e non missili balistici - una distinzione chiave che sottolinea il punto di vista dell'amministrazione Biden secondo cui non si qualifica come una grave violazione e non impedirà agli Stati Uniti di perseguire la strada della diplomazia con Pyongyang.