Nordcorea contro Biden: finta diplomazia, risponderemo

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 mag. (askanews) - La Corea del Nord ha lanciato oggi un attacco contro il presidente Usa Joe Biden, sostenendo che ha una politica ostile nei suoi confronti e minacciando una risposta, dopo che lo stesso Biden ha spiegato mercoledì scorso che la sua amministrazione intende affrontare la questione nordcoreana "sia attraverso la diplomazia, sia attraverso una decisa deterrenza".

Nonostante venerdì la Casa bianca abbia segnalato che il presidente americano è aperto a negoziati sulla questione nucleare nordcoreana, oggi Pyongyang ha risposto aspramente. "Le dichiarazioni (di Biden) riflettono chiaramente il suo intento di mantenere attiva la politica ostile nei confronti della Repubblica democratica popolare di Corea, come è stato fatto dagli Usa per oltre mezzo secolo", ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri Kwon Jung Gun in una dichiarazione diffusa attraverso l'agenzia di stampa ufficiale nordcoreana KCNA.

"La dichiarata 'diplomazia' Usa è una spuria etichetta che copre i suoi ostili atti, e la 'deterrenza è semplicemente un modo per porre una minaccia nucleare nei confronti della Repubblica democratica popolare di Corea", ha continuato il funzionario. "Ora - ha concluso - che la nuova politica degli Usa è divenuta chiara, noi siamo impegnati a spingere misure corrispondenti".

L'amministrazione Biden non sembra interessata a impegnarsi in una trattativa simile a quella condotta dal precedente presidente Usa Donald Trump, che ha portato a incontri col leader supremo nordcoreano Kim Jong Un, ma non a un risultato concreto.

Tuttavia, secondo le dichiarazioni di membri dell'amministrazione, la strategia di Biden rispetto a Pyongyang non vuole neanche ricalcare il concetto di "pazienza strategica" che ha fatto da stella polare per l'approccio dell' ex presidente democratico Barack Obama, di cui lo stesso Biden era il vicepresidente.