Nordcorea lancia nuovo missile. Seoul: potrebbe essere fallito

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 nov. (askanews) - Il lancio da parte della Corea del Nord di un nuovo tipo di missile balistico intercontinentale (ICBM) potrebbe essere stato un fallimento, hanno affermato i vertici della Difesa della Corea del Sud. Pyongyang ha lanciato tre missili in totale.

Quello che si sospetta essere un nuovo tipo di missile balistico è stato lanciato dalla periferia della capitale nordcoreana ma poi sembra aver fallito durante la fase di volo dopo la separazione delle sezioni del propellente e della testata, hanno riferito fonti della Difesa a diversi media sudcoreani.

"Si presume che il lancio di missili balistici intercontinentali della Corea del Nord si sia concluso con un fallimento", ha affermato l'esercito sudcoreano, secondo l'agenzia di stampa Yonhap.

Il missile a lungo raggio ha raggiunto un'altitudine massima di 2.000 chilometri e ha volato per circa 750 chilometri, ha affermato il ministro della Difesa giapponese Yasukazu Hamada, prima di "scomparire" dai radar sul Mar del Giappone a circa 1.100 km al largo delle coste del Giappone.

I tre lanci, tra le 7:30 e le 9:00 ora locale, hanno innescato le sirene di emergenza nel nord del Giappone, nelle prefetture di Miyagi, Yamagata e Niigata. Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha affermato che i lanci sono stati "oltraggiosi e assolutamente intollerabili". Il portavoce del governo ha affermato che il Giappone ha presentato una protesta immediata a Pyongyang attraverso Pechino.

Il portavoce del dipartimento di stato statunitense Ned Price ha condannato il lancio affermando che si tratta di una chiara violazione delle molteplici risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e "dimostra la minaccia rappresentata dalle armi di distruzione di massa e dai programmi di missili balistici illegali della Repubblica Popolare Democratica di Corea verso i suoi vicini, per la regione, la pace e la sicurezza internazionali e per il regime globale di non proliferazione"