Nordcorea, presto il raro congresso del Partito dei lavoratori

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 4 gen. (askanews) - La Corea del Nord potrebbe aprire a giorni, in una data che non è stata comunicata, un evento raro, ma fondamentale nel calendario degli appuntamenti del regime di Kim Jong Un. L'Ottavo Congresso del Partito dei lavoratori coreani è stato annunciato per "inizio gennaio" e, secondo quanto hanno annunciato i media di stato nordcoreani, i delegati sono già arrivati a Pyongyang.

Non è chiaro quando comincerà, potrebbe essere anche già iniziato in queste ore, ma le attese sono molte. In particolare, gli osservatori sperano di conoscere il nuovo piano quinquennale nordcoreano. Inoltre, si spera che Kim voglia dare un nuovo impulso ai negoziati sulla denuclearizzazione con la Corea del Sud - e il presidente sudcoreano Moon Jae-in continua a mandaree segnali distensivi - e con gli Stati uniti, con l'arrivo in visto alla presidenza del democratico Joe Biden.

A far crescere l'attesa attorno all'assise è anche il fatto che Kim non ha tenuto il discorso del nuovo anno in televisione e ha semplicemente inviato i suoi auguri ai cittadini con un messaggio scritto a mano. Per questo motivo, ci si attende che sia proprio al congresso che il leader supremo voglia fare gli annunci più importanti.

Gli osservcatori, inoltre, sono anche concentrati sullo status della sorella minore di Kim Jong Un, Kim Yo Jong. Ci si chiede, in particolare, se sarà promossa in una posizione ancora più rilevante che la renderebbe indiscutibilmnete la numero due del regime, dopo il fratello.

Kim Jong Un, che ha assunto il potere nel 2011, ha fatto tenere al partito già un altro congresso, nel 2016. Si è trattato della prima assise di questo tipo in 36 anni di potere prima del nonno Kim Il Sung e poi del padre Kim Jong Il. In quell'occasione fu anunciato il piano quinquennale. Fu, quella, l'occasione in cui venne consacrata la politica "byongjin" del giovane leader, che indica il simultaneo sviluppo dell'economia e della potenza nucleare.

C'è anche attesa rispetto al fatto che dal congresso possa emergere qualche elemento in più rispetto alla situazione della Corea del Nord in relazione alla pandemia Covid-19. Pyongyang non dichiara alcun contagio, ma qesta cosa non convince gli osservatori internazionali.

Non è neanche escluso che, in occasione dell'apertura del congresso, si tenga una parata militare, anhce se al momento - secondo lo stato maggiore sudcoreano - non sono stati rilevati movimenti anomali.