Norvegia si sottrae a richiesta Italia di farsi carico migranti su navi Ong

Migranti in attesa di essere raccolti dall'equipaggio della nave "Ocean Viking"

di Angelo Amante e Alvise Armellini

ROMA (Reuters) - La Norvegia non ha alcuna responsabilità nei confronti delle persone a bordo di navi private battenti la sua bandiera nazionale.

Lo ha detto l'ambasciatore norvegese a Roma, dopo che l'Italia ha esortato Oslo e Berlino a farsi carico di quasi 1.000 migranti a bordo di tre navi Ong che battono la loro bandiera.

Le imbarcazioni, tra cui la Ocean Viking e la Geo Barents, con bandiera norvegese, sono in mare al largo dell'Italia da più di una settimana in attesa del permesso di attraccare da parte del governo. Finora tutte le loro richieste sono state respinte.

"La Norvegia non ha alcuna responsabilità ai sensi delle convenzioni sui diritti umani o del diritto del mare nei confronti delle persone imbarcate a bordo di navi private battenti bandiera norvegese nel Mediterraneo", ha detto l'ambasciatore Johan Vibe in una dichiarazione inviata via e-mail a Reuters.

La risposta è arrivata dopo che la settimana scorsa l'Italia ha inviato lettere alle ambasciate di Germania e Norvegia, affermando che le navi di organizzazioni non governative (Ong) battenti le loro bandiere non rispettano le norme di sicurezza europee e compromettono la lotta all'immigrazione clandestina.

Mercoledì l'ambasciata tedesca aveva esortato l'Italia a prestare aiuto in tempi brevi, affermando che le navi delle Ong forniscono un importante contributo per salvare vite umane in mare.

Nella sua risposta, la Norvegia ha detto che "la responsabilità primaria di coordinare il lavoro per garantire un porto sicuro a chi è in difficoltà in mare spetta allo Stato responsabile della zona di ricerca e soccorso in cui è stata prestata tale assistenza".

"Anche gli Stati costieri limitrofi hanno una responsabilità in tali questioni", ha aggiunto l'ambasciatore.

Le due navi battenti bandiera norvegese hanno più di 800 persone a bordo e stanno navigando al largo della Sicilia, mentre la Humanity 1, battente bandiera tedesca, ha 179 persone a bordo, tra cui più di 100 minori non accompagnati e un bambino di sette mesi con la madre.

Petra Krischok, portavoce della Ong tedesca Humanity 1, che si trova a bordo dell'imbarcazione, ha detto che i migranti stanno dormendo sul ponte e potrebbero presto dover affrontare mare agitato dopo giorni di tempo sereno.

Più di un quarto del gruppo ha manifestato sintomi influenzali, ha detto in un commento inviato via e-mail.

Ieri, l'associazione SOS Mediterranee, che gestisce la Ocean Viking, ha detto di aver chiesto aiuto a Grecia, Spagna e Francia, poiché Italia e Malta non hanno risposto alle richieste di attracco.

Il ministro degli Interni francese Gerald Darmanin ha detto a RMC-BFMTV che il diritto internazionale prevede che l'Italia accolga i migranti, ma ha aggiunto che Parigi e Berlino sono pronte a offrire assistenza.

"Abbiamo detto ai nostri amici italiani, insieme ai nostri amici tedeschi, che siamo pronti ad accogliere, chiaramente come abbiamo fatto in casi precedenti, alcune donne e bambini, in modo che l'Italia non sia sola", ha detto.

Il numero di migranti è aumentato in Italia nell'ultima settimana, con oltre 6.200 persone arrivate dal 27 ottobre rispetto alle 1.400 nello stesso periodo del 2021, secondo i dati del governo.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Claudia Cristoferi)