Notizie false sulla presenza del Covid a Capri, il primo cittadino interviene

·2 minuto per la lettura
Capri, sindaco adirato sulle news sul Coronavirus
Capri, sindaco adirato sulle news sul Coronavirus

Il sindaco di Capri adirato sulla situazione Coronavirus a livello mediatico. Le notizie diffuse dalla stampa, di recente, riguardano la presunta presenza di focolai sull’isola e il primo cittadino ha voluto cogliere l’occasione per smentirle.

Coronavirus a Capri? Parla il sindaco

Il Sindaco di Capri, Marino Lembo, ha dichiarato che l’Amministrazione Comunale e la Asl locale stanno facendo il massimo per controllare e ridurre la propagazione del contagio. “Dispiace che, in un momento nel quale è sotto gli occhi di tutti la difficoltà della ripresa, il nome di Capri venga usato, assolutamente a sproposito, per dare maggior forza ad articoli che, al contrario, non possono che riconoscere la verità”, ha detto, “Capri non ha mai avuto focolai di Covid-19 ed ha attuato sagge e lungimiranti politiche di prevenzione”. Insomma, quelle diffuse dai media sarebbero fake news inconsistenti e assolutamente false. Nonostante i turisti siano in parte tornati sull’isola, non ci sono casi di Coronavirus sviluppati.

Lembo: “Agiremo per vie legali”

La vicenda che vede come protagonisti dei turisti provenienti da Roma, ha riguardato persone che hanno visitato altre località e che erano malati ben prima dell’arrivo a Capri. La Asl Napoli 1 ha poi provveduto a contattare, testare e isolare tutti i loro contatti nella zona, nessuna positività riscontrata.

Sono allibito da come certa stampa e certa tv, al solo fine di attirare utenti verso le proprie testate, utilizzi il nome di Capri in maniera strumentale ed infondata associandolo all’aumento dei contagi registrati in Campania ed in Italia”, ha dichiarato il sindaco, “Metteremo in campo una task force legale per perseguire chiunque abbia danneggiato e danneggerà la nostra Isola con un comportamento poco serio e poco professionale. Ci riserveremo di agire per vie legali e deferiremo gli autori di queste fake news all’Ordine dei Giornalisti“.